Bosa, il borgo dove si intrecciano arte, tradizione e leggenda

Visto da lontano sembra un grande mosaico fatto di tante piccole tessere colorate. Nascosto tra colline e boschi prende vita dalle sponde del fiume Temo per seguirne l’andamento fino ad arrivare al mare. Siamo a Bosa, nella costa occidentale della Sardegna in provincia di Oristano.

Le pittoresche case del centro storico si arrampicano su per il colle di Serravalle, dominato dal castello di Malaspina. La costruzione del XII secolo fu voluta dall’omonimo marchese pisano. Esisterebbe un tunnel sotterraneo che unisce il castello alla cattedrale. A volerlo fu il geloso marchese, che non sopportava gli sguardi altrui sulla bella moglie. Leggenda narra che in preda ad un raptus di gelosia Malaspina tagliò le dita alla moglie avvolgendole in un fazzoletto che, passata la follia, doveva estrarre in presenza di amici. Le dita caddero e il marchese fu incriminato. Lo spirito della marchesa, quindi, sarebbe rimasto intrappolato nel castello e quelle dita pietrificate, diventando speroni rocciosi, così come i testimoni della vicenda.

Dentro le mura di fortificazione possiamo trovare anche la chiesa di Nostra Signora de sos Regnos Altos che conserva al suo interno un preziosissimo ciclo di affreschi spagnoli di fine ‘300. Altra attrazione da non perdere è la vicina chiesetta romanica di San Pietro extra muros dove poter ammirare nella piazza antistante Sa funtana manna, monumento ottocentesco in trachite rossa costruito per l’inaugurazione dell’acquedotto.

Bosa, terra della Malvasia, accoglierà i visitatori facendogli degustare un calice del pregiato vitigno dolce. Da sempre terra di enogastronomia, “la città del Sole” è anche figlia di una lunga tradizione artigianale: gioielli di corallo, cesti di asfodelo e il filet, tessuto nato dall’antico sapere femminile, sono solo alcuni degli esempi più brillanti.

Merita assolutamente una passeggiata il Lungo Temo che porterà alla scoperta delle antiche concerie e del porticciolo storico. Arrivando finalmente al mare si potranno ammirare le coste di Bosa Marina che, grazie al loro mix di spiagge e scogli, sapranno accontentare tutti gli amanti del mare.

Bosa, cittadina fluviale di origine fenicia in cui la vegetazione si mischia magistralmente con il paesaggio marino, aggiudicandosi pure le 5 vele blu di Legambiente, è il tipico borgo in cui perdersi tra le sue vie strette e silenziose, pervase da un profumo particolare fatto anche di tradizione e cultura.